ALLA RICERCA DI UN LAVORO? 4 ABITUDINI DA DIMENTICARE E 4 ATTEGGIAMENTI DA UTILIZZARE.

L’attitudine è la capacità che abbiamo di realizzare una determinata attività, a differenza dell’atteggiamento, che è il modo in cui affrontiamo una situazione. Cercando un lavoro, anche se non è facile, non devono mancare un atteggiamento positivo e buone attitudini per raggiungere il nostro obiettivo.
Quando siamo alla ricerca di un lavoro dobbiamo cercare di apprendere (o migliorare) attitudini come queste.

INIZIATIVA: non possiamo aspettare che ci cerchino, ma dobbiamo essere noi a contattare le aziende perché ci prendano in considerazione. E non solo. Oltre ad inviare il nostro CV non dobbiamo avere timore di farci conoscere.

ADATTAMENTO: la capacità di adattamento non solo è importante quando iniziamo un nuovo lavoro o approcciamo un nuovo ambiente ma anche nella ricerca stessa. Oltre ai canali tradizionali bisogna essere aggiornati sull’uso dei social e sulle risorse on line, per conoscere tutte le nuove opportunità.

CREATIVITA’: molte volte non è sufficiente inviare il proprio CV alle aziende ed aspettare che ci rispondano. A volte è necessario attirare l’attenzione con un CV originale o una lettera di presentazione fuori dalle righe, che aumenti le nostre possibilità di ottenere un colloquio.

FLESSIBILITA’: la situazione non troppo rosea del mercato del lavoro, ci obbliga a considerare anche altre opzioni che forse, prima, non avremmo mai valutato, come, ad esempio, lavorare autonomamente o part-time.

Tra le attitudini che dobbiamo cercare di reprimere durante la ricerca di un lavoro, ci sono le seguenti.

CONOSCENZE GENERICHE: il mercato del lavoro richiede sempre di più (quando lo fa, ovviamente) professionisti specializzati in un determinato ambito. Quindi, è meglio essere uno specialista in qualcosa piuttosto che avere conoscenze generiche in vari ambiti.

busqueda

AVERE LE IDEE MOLTO CHIARE: se siamo molto rigidi, dobbiamo abbandonare questa forma mentale appena possibile. Soprattutto in relazione al lavoro. Saremo candidati migliori se dimostriamo di essere capaci di convertirci professionalmente senza paura dei cambi.

ESSERE METODICI: è bello essere organizzati ma non dobbiamo esserlo eccessivamente. Per alcuni lavori, prenderanno in considerazione la nostra creatività piuttosto che una grande capacità organizzativa senza alcun aspetto creativo.

AMPIA ESPERIENZA: l’esperienza è un’attitudine molto considerata dalle aziende ma ci sono situazioni in cui una grande esperienza può giocare a nostro sfavore. Per esempio, quando la ricerca è rivolta verso una risorsa giovane, da formare o quando lo stipendio è più basso delle aspettative. Se vedono che il nostro profilo è troppo senior rispetto all’offerta, ci scarteranno automaticamente. In questi casi, se ci interessa il posto, non si tratta di omettere informazioni relative alle esperienze ma di far risaltare le capacità che possono colpire chi sta effettuando la selezione.

cliccalavoro_button (1)

L'utilizzo dei cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione del nostro politica di cookies, cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni