Allevare animali da fattoria è la mia passione! Come mi metto in proprio?

Se ami la vita all’aria aperta e gli animali, se non ne puoi più dell’ufficio e desideri trasformare la tua passione in un vero lavoro niente paura, non è poi così difficile.

Le basi
Inutile dire che il benessere degli animali deve essere la priorità di ogni buon allevatore. Quello che occorre innanzitutto è un terreno agricolo abbastanza ampio, lontano da rumori e inquinamento, dove essi possano vivere tranquillamente. Le dimensioni variano a seconda della quantità di capi che si ha in programma di allevare, in ogni caso è indispensabile che il suolo sia edificabile. Gli animali hanno bisogno di un riparo per la notte e per le giornate di cattivo tempo, quindi bisognerà costruire appositamente una stalla a norma. Fortunatamente i terreni da adibire a questi usi hanno ancora prezzi abbordabili, è possibile quindi avviare un’attività anche senza spendere grossi capitali.

La parola d’ordine è pianificare
Come ogni business che si rispetti, piccolo o grande che sia, anche un allevamento ha bisogno di essere organizzato in ogni dettaglio per avere successo. Una previsione delle spese per i primi tre anni è molto utile per avere un quadro completo dell’investimento necessario ad avviare l’azienda. Bisogna valutare il costo dei mangimi, la manutenzione di eventuali strutture o macchinari, il trasporto del bestiame su mezzi adeguati se si ha intenzione di partecipare a fiere del settore e così via. Per quanto affascinante sia, inoltre, badare ad una fattoria è anche molto faticoso, potrà dunque rendersi necessario mettere in conto l’assunzione di manodopera, anche se solo part-time.
Altra cosa che andrebbe pianificata in anticipo è la riproduzione degli animali. Ritrovarsi senza nuovi nati è tanto difficile quanto gestire un’improvvisa invasione di cuccioli.

Un alleato fondamentale
Impossibile mettersi in proprio come allevatori senza l’aiuto di un buon veterinario. La salute dei capi di bestiame è fondamentale. Bisogna trovare subito un buon medico con cui instaurare una collaborazione duratura. I controlli devono essere periodici, le femmine vanno seguite durante la gravidanze e dopo il parto, lo stesso vale per i nuovi nati.
I prodotti alimentari destinati all’uomo, inoltre, sono sottoposti alla rigida normativa dell’Asur, che va sempre rispettata se non si vuole incorrere in sanzioni severe o addirittura essere costretti a chiudere l’attività. Anche in questo caso è opportuno farsi seguire da un tecnico specializzato, infatti le leggi in materia sono abbastanza complesse. Esistono comunque anche diverse associazioni per l‘imprenditoria agricola da cui ricavare tutte le informazioni necessarie.

cliccalavoro_button (1)

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'utilizzo dei cookies

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei cookie e l'accettazione del nostro politica di cookies, cookie di cui sopra, fare clic sul link per maggiori informazioni

ACEPTAR
Aviso de cookies